Archivi categoria: corsi e ricorsi

8 giugno 1990: Notti Tragiche

Argentinian forward Claudio Caniggia (C)Ormai il mondo intero è in pieno clima mondiale, visto che mancano pochi giorni all’inizio della kermesse brasiliana. E questo blog non se ne chiama fuori, dal momento che comunque la Coppa del Mondo di calcio nella mente di un tifoso o di un qualsiasi appassionato richiama sempre un periodo particolare della propria vita. Ed esattamente 24 anni fa, l’8 giugno 1990, alle ore 18 presso lo stadio di San Siro, Argentina e Camerun diedero il via al “mondiale italiano”. L’evento del secolo, nel nostro paese. Un evento per cui in Italia si lavorò per ben sette anni, da quando nel 1983 l’organizzazione della Coppa del Mondo 1990 venne affidata all’Italia. E per il quale stiamo ancora pagando. Quasi tutti avranno sentito parlare di questo mondiale, che in Italia pensavamo di aver già vinto prima ancora di cominciare a giocare. Tutti sapranno che vinse la Germania (ai tempi si chiamava ancora Germania Ovest) superando in finale l’Argentina, e che gli azzurri si piazzarono solo al terzo posto (che qualcuno tentò anche di far passare come un grande successo!). Ma un conto è la conoscenza, la memoria storica è tutta un’altra cosa… Continua a leggere

Annunci

Primavera 1991

3d2d9b8d522252f649d6b47564afd4adTutto ha un’inizio, una genesi. Per ritrovare la mia genesi di tifoso biancoscudato bisogna ritornare indietro di 23 anni. Anno di grazia 1991. Il mio primo anno in Curva Nord all’Appiani, in concomitanza col mio passaggio dalle medie alle superiori. Il mondo stava cambiando, il comunismo e l’Unione Sovietica stavano crollando subito dopo il disgregamento del Muro di Berlino, a breve anche molti altri stati europei avrebbero seguito la stessa sorte (Yugoslavia su tutti), e pure la politica italiana avrebbe subito uno sconquassamento senza precedenti. Ma nel 1991 ci godevamo ancora l’onda lunga degli anni ’80, e per me, allora inviato sulla strada che portava ai quindici anni, la priorità non era tanto ciò che succedeva in giro per il mondo, ma casomai trovare una mia dimensione… Posso dire che quell’anno la trovai, e tutt’oggi ripenso a quel periodo ed a quell’epoca con grande nostalgia, che purtroppo non è solo la nostalgia dei miei 15 anni (prima o dopo si cresce, bisogna farsene una ragione) ma è soprattutto nostalgia di un’epoca decisamente migliore di quella attuale…. Continua a leggere

1989-2014: 25 anni di leggi speciali…

Genny a carognaUna riflessione sui fatti di Napoli-Fiorentina è quanto meno d’obbligo. Non per fare del moralismo, ne per voler indicare una via corretta alle istituzioni che tanto NON seguiranno (sono tarati in quel modo, non ascolteranno mai nulla di diverso), ma solo perché ancora una volta abbiamo sentito parlare di leggi speciali, e di “dare un giro di vite”. Ebbene, sono esattamente 25 anni che si fa ciò, si danno “giri di vite”. Con quali risultati, lo avete visto sabato sera a Roma. Ora, chiunque potrà parlare per dare aria alla bocca, ed io potrei star qui a dipingervi “Genni a’ carogn'” come un onesto contribuente, non ci troveremo mai d’accordo. L’unico dato di fatto, l’unica cosa evidente a tutti e sulla quale non si può discutere proprio perché sono i fatti a dimostrarlo, è il totale e completo fallimento del sistema repressivo. Il che dovrebbe ormai far capire che, se si vuole migliorare la situazione, bisogna forse provare la strada del dialogo con le tifoserie ultras che, va ricordato, sono composte per la stragrande maggioranza (anche ai propri vertici) da bravi ragazzi. Ecco, parto da questo presupposto per qualsiasi forma di dialogo. Se uno non la pensa così, vuol semplicemente dire che non sa, che sta dando aria alla bocca, e non vale nemmeno la pena perderci del tempo… Continua a leggere

3 aprile 1999: la vergogna di Padova-Varese

1998-99

Se mi chiedete qual’è stato il periodo più nero della storia recente del Padova, vi rispondo senza pensarci troppo che è stato la stagione 1998/99. Ma se mi chiedete qual’è stato il punto più basso in assoluto, debbo ammettere che sono seriamente combattuto fra due partite di quella stagione: lo spareggio perso in casa contro il Lecco, e la partita persa a tavolino sempre in casa contro il Varese. Oggi, non fosse altro per la data concomitante, parleremo di Padova-Varese. Continua a leggere

Questione di curriculum e di background

379px-Benito_Sarti

Questo è un sito principalmente di ricordi, e questo tentiamo di fare anche in questi giorni difficili per il biancoscudo. Non vorremmo farci trascinare in polemiche con l’attuale dirigenza biancoscudata, anche e soprattutto perché è esattamente ciò che vogliono questi “personaggi”. Tuttavia di recente i nostri ricordi, la nostra memoria storica biancoscudata, è stata in qualche modo chiamata in causa: è successo domenica, nel corso della conferenza stampa tenuta dal presidente della società Iniziative Euganee s.r.l, il signor diego penocchio (il minuscolo non è casuale); il quale ha tenuto ad ammonire i padovani di non dimenticarsi mai quale è il loro “background” ed il loro curriculum sportivo… Bene, noi probabilmente andremo controcorrente, ed a costo di risultare antipopolari, dobbiamo ammettere che il signor penocchio ha ragione in pieno. Ci ha proprio preso: Padova non deve mai dimenticarsi qual’è il suo “background” calcistico ed il suo curriculum sportivo. E, dal momento che noi siamo un sito principalmente dedicato alla “memoria storica”, abbiamo il dovere di ricordarlo a tutti, anche perché molto spesso i primi a dimenticarsene sono gli stessi padovani.

Continua a leggere

Arroganza al potere

TrovaledifferenzeSono tempi difficili per il Padova ed i suoi tifosi. E’ soprattutto il remake di un film già visto da queste parti, con una società sana infangata da personaggi ridicoli ed assurdi, senza arte ne parte, senza alcuna qualità ma solo con tanta arroganza ed una lingua molto lunga. In questo, Diego Penocchio (mi rifiuto di chiamare “presidente” uno scarto umano del genere….) assomiglia molto a Cesarino Viganò (vale lo stesso discorso). Con una differenza, sostanziale: il brianzolo, quando parlava, evidenziava un pessimo carattere e, soprattutto, tanta malafede. Negava l’evidenza e scaricava le colpe sui tifosi. Il bresciano è si molto arrogante ma, a differenza del primo, quando parla sembra ubriaco. Continua a leggere

Alibi per perdenti

DiegoPenocchio“Penso che gli Ultras fossero abituati troppo bene ai rapporti con la società. Io ho offerto la mia disponibilità, ma evidentemente questa non collimava con il loro pensiero e dalla seconda giornata ho sentito cori di protesta”. Parole e musica di Diego Penocchio, attuale presidente della società Iniziative Euganee srl, che sta portando il Calcio Padova alla rovina. Come possono vedere e ricordare tutti coloro che hanno memoria, è tipico di certi personaggi definiamoli così “creativi” (ma non certo vincenti) creare degli alibi per i propri insuccessi nell’ambiente circostante. Ora è colpa dei giornalisti, ora è colpa dei tifosi, ora è colpa degli arbitri. Continua a leggere

Nell’occhio del ciclone

DittaturaUltrasDopo Latina la nostra tifoseria è finita nell’occhio del ciclone. O meglio, hanno fatto di tutto per tirarcela dentro. E’ successo infatti che al termine della partita i nostri “eroi” sono stati invitati gentilmente a togliersi di dosso una maglia che non sono degni di indossare, loro senza discutere hanno obbedito e le hanno posate a terra. Nessuna violenza, nessuna minaccia, niente di niente.

Continua a leggere